Windows 365, la nuova era del Cloud PC

Durante il Microsoft Inspire 2021, tenutosi il 14 luglio 2021, Microsoft ha annunciato Windows 365. Con questa novità si aprono le porte a una nuova categoria di “computer” in un mondo del lavoro sempre più ibrido: Cloud PC.

Dall’annuncio, possiamo recuperare una descrizione sintetica di questo ambizioso progetto: “Windows 365 garantirà un’esperienza PC completa e personalizzata basata sul cloud su qualsiasi dispositivo, offrendo ai lavoratori e alle imprese potenza, semplicità e sicurezza per il lavoro ibrido“. Satya Nadella, Presidente e CEO di Microsoft, aggiunge: “Proprio come le applicazioni sono state portate in cloud con il modello SaaS, ora stiamo portando il sistema operativo sul cloud, fornendo alle organizzazioni una maggiore flessibilità e un modo sicuro per consentire ai propri collaboratori di essere più produttivi e connessi, indipendentemente dalla loro posizione geografica”.

Di cosa si tratta in parole semplici? Ogni utente abilitato avrà la possibilità di accedere a un PC virtuale, tramite browser, macOS, Android o il client di Desktop Remoto, sfruttando la potenza dei servizi Cloud offerti da Microsoft Azure. Il vantaggio maggiore sta nella elevata personalizzazione della macchina (modulare l’effettiva potenza necessaria) e nella disponibilità / sincronizzazione di sessione di lavoro, applicazioni, contenuti e impostazioni. Nello scenario tipo l’utente accede al suo Cloud PC da un dispositivo X, termina la sessione, riprende sul dispositivo Y, in completa soluzione di continuità, mantenendo il flusso di lavoro intatto.

Windows 365 sarà disponibile per le imprese di ogni dimensione a partire dal 2 agosto 2021. Successivamente il servizio sarà disponibile anche a livello Consumer.

Il nuovo paradigma del lavoro /Hybrid Work/

A seguito della pandemia è innegabile come sia effettivamente emerso un nuovo modello di lavoro, diversificato dai processi virtuali e dalla collaborazione da remoto. In questo ambiente, più distribuito e centralizzato, le persone hanno la necessità di accedere alle informazioni aziendali da diversi luoghi e, soprattutto, da tantissimi dispositivi diversi. L’aumento delle minacce informatiche ci porta, di conseguenza, a prestare maggiore attenzione nel proteggere queste informazioni spesso critiche.

Il lavoro ibrido ha rivoluzionato il ruolo della tecnologia nelle imprese”, dice Jared Spataro, Corporate Vice President, Microsoft 365. “In un contesto in cui la forza lavoro è più eterogenea che mai, le organizzazioni hanno bisogno di un nuovo modo per assicurare una migliore esperienza di produttività combinando versatilità, semplicità e sicurezza. Il Cloud PC è una nuova ed entusiasmante categoria di personal computer ibridi, che trasforma qualsiasi dispositivo in uno spazio di lavoro digitale personalizzato, produttivo e sicuro. L’annuncio odierno di Windows 365 è solo l’inizio di un percorso che vedrà la scomparsa del confine tra il dispositivo e il cloud“.

Windows 365 punta a gestire e risolvere tutte quelle sfide pre-pandemia, offrendo maggiore flessibilità e garantendo, al contempo, la sicurezza necessaria dei dati dell’organizzazione. I lavoratori stagionali, ad esempio, potranno cambiare team senza dover affrontare i problemi logistici legati alla consegna di un nuovo hardware o alla messa in sicurezza dei dispositivi personali, permettendo alle organizzazioni di adattarsi con più efficienza e sicurezza ai periodi di lavoro più intensi. Inoltre, le aziende potranno facilmente garantire ai lavoratori specializzati in ruoli creativi, analitici, ingegneristici o scientifici una maggiore potenza di calcolo e un accesso sicuro alle applicazioni essenziali di cui essi hanno bisogno.



Caratteristiche principali di Windows 365

Microsoft durante la presentazione ha evidenziato tre caratteristiche per descrivere questo nuovo servizio di Cloud PC, il quale unisce Windows alla potenza del Cloud Computing:

  • Potenza. Windows 365 fornisce l’esperienza completa del PC sul cloud. Con l’avvio istantaneo del proprio Cloud PC personale, gli utenti possono trasferire applicazioni, strumenti, dati e impostazioni dal cloud a qualsiasi dispositivo. Inoltre, il cloud garantisce maggiore versatilità nella potenza di elaborazione e nell’archiviazione, offrendo scalabilità ai responsabili IT, che potranno gestirle in base alle proprie esigenze. Con la possibilità di scegliere tra Windows 10 e Windows 11 (quando sarà disponibile nel corso del 2021), le aziende possono scegliere il Cloud PC più adatto alle proprie esigenze con un costo mensile per utente.
  • Semplicità. Con un Cloud PC, gli utenti possono accedere e riprendere il proprio lavoro da dove lo hanno lasciato su diversi dispositivi, vivendo un’esperienza Windows semplice e familiare abilitata dal cloud. Per i responsabili IT, Windows 365 semplifica anche la distribuzione, l’aggiornamento e la gestione, oltre a non richiedere la virtualizzazione, a differenza di altre soluzioni. Con Windows 365 ottimizzato per l’endpoint, l’IT può facilmente ottenere, distribuire e gestire i Cloud PC per la propria azienda proprio come gestisce i dispositivi fisici attraverso Microsoft Endpoint Manager. Le piccole e medie imprese possono acquistare Windows 365 direttamente o attraverso un fornitore di servizi cloud e completare l’impostazione in pochi clic. Al contempo, Microsoft continua a innovare Azure Virtual Desktop, per rispondere alle esigenze delle imprese che contano su avanzate esperienze di virtualizzazione e che desiderano più opzioni di personalizzazione e flessibilità. In merito a quest’ultimo, abbiamo pubblicato una introduzione qualche giorno fa in questo articolo.
  • Sicurezza. Windows 365 è sicuro by design, poiché sfrutta la potenza del cloud e si basa sul principio Zero Trust. Le informazioni sono protette e archiviate sul cloud, non sul dispositivo. Contando su aggiornamenti costanti, sulle avanzate funzionalità di sicurezza e sulle linee guida di Microsoft, Windows 365 semplifica la cybersecurity e consiglia le migliori impostazioni di sicurezza per l’ambiente in questione.

Configurazioni e prezzi (provvisorie)

Microsoft non ha ufficializzato ancora configurazioni e prezzi, ma grazie ad alcune informazioni reperibili in rete possiamo leggere delle prime indicazioni. Windows 365 avrà circa 12 configurazioni basate su Azure Virtual Desktop con le formule Business ed Enterprise. La configurazione base sarà di 1 CPU, 2 GB di RAM e 64 GB di spazio su disco virtuale, mentre la configurazione più prestante avrà 8 CPU, 32 GB di RAM e 512 GB di spazio su disco virtuale.

Figura 1 – Cloud PC con 2 CPU, 4 GB di RAM e 128 GB di disco

Nell’immagine (Fig. 1) possiamo osservare che per 2 CPU, 4 GB di RAM e 128 GB di spazio su disco virtuale il prezzo del servizio sarà di 31$ / mese ad utente con il piano Windows 365 Business, ovvero la proposta destinata ad aziende con meno di 300 dipendenti. Si tratta ancora di informazioni non ufficialmente confermate, ma offrono un primo sguardo al modello economico di questo nuovo servizio di Cloud PC.

Grazie a The Verge possiamo raccogliere qualche ulteriore dettaglio: ogni Cloud PC sarà in grado di accedere a una connessione a Internet con velocità di download di 10 Gbps e velocità di upload di 4 Gbps. Microsoft sta anche testando un’opzione per reindirizzare video e altri contenuti multimediali nelle singole sessioni virtuali. Logicamente, il modo migliore per provare Windows 365 sarà tramite la connessione da un PC con sistema operativo Windows poiché funzionalità come multi-monitor (fino a 16), connessione USB, reindirizzamento AV di Teams e supporto per gli scanner saranno disponibili solo da Windows.

Scopriremo maggiori informazioni, le varie configurazioni disponibili e il listino completo nei prossimi giorni, ovviamente aggiorneremo questo articolo.

Link utili