I blog personali dei collaboratori della nostra Community

  • Internet Explorer gestione dello zoom
    E’ possibile gestire le impostazioni di zoom di Internet Explorer (ed Edge) tramite le chiavi di registro in HKEY_CURRENT_USERSoftwareMicrosoftInternet ExplorerZoom. In particolare tramite la chiave ZoomFactor (REG_DWORD) è possibile impostare il livello di zoom: 100000 (Decimale) = 100% [Valore di Default] 125000 (Decimale) = 125% 150000 (Decimale) = 150% Tramite la chiave ResetZoomOnStartup (REG_DWORD) è possibile impostare il livello di zoom per le nuove finestre e schede al 100% per IE7 e precedenti: 0 (Decimale) = Non viene eseguito il reset 1 (Decimale) = Viene eseguito il reset [Valore di Default] Tramite la chiave ResetZoomOnStartup2 (REG_DWORD) ... continua a leggere
    Dal blog di Ermanno GolettoPubblicato il 13-05-2019
  • Gestione delle Sessioni RDS Disconnesse
    La configurazione dell’ambiente RDS permette la gestione delle sessioni utente che risultano disconnesse. È possibile definire un intervallo di tempo entro il quale il server Session Host termina le sessioni disconnesse, questo valore è impostato direttamente nel pannello di configurazione del servizio RDS e prevede una serie di intervalli di tempo selezionabili Dallo stesso pannello è possibile gestire più in generale i limiti delle sessioni di connessione al di là della sessione disconnessa si può definire il comportamento sia per le sessioni attive che inattive. Una sessione è da considerarsi inattiva quando al suo interno non è presente alcuna attività ... continua a leggere
    Dal blog di Roberto MassaPubblicato il 10-05-2019
  • Windows Server 2016 impostare Windows Update
    In Windows Server 2016 l’interfaccia utente non permette semplicemente di impostare la modalità di funzionamento di Windows Update che può essere Automatico, Download o Manuale. Un primo metodo è quello di usare il tool a riga di comando sconfig che permette la configurazione di Windows Update tramite l’opzione 5 dell’interfaccia grafica a carattere, a riguardo si veda il post How to change Windows Update settings using SCONFIG. Tale approccio funziona in Windows Server 2016 in Server Core o tramite la Desktop Experience. Un secondo metodo è quello di configurare Windows Update tramite la policy locali o di dominio ConfigurationPoliciesAdministrative TemplatesWindows ... continua a leggere
    Dal blog di Ermanno GolettoPubblicato il 10-05-2019
  • Svuotare il cestino via command line
    Talvolta può essere utile svuotare il cestino tramite riga di comando, ad esempio nel caso si voglia eseguire automaticamente l’attività alla disconnessione dell’utente tramite una policy. E’ possible accedere alla cartella del cestino dell’utente corrente tramite il seguente path dove SID indica il Security Identifier dell’utente: %SystemDrive%$Recycle.binSID Per ricavare il SID dell’utente corrente è possibile utilizzare la seguente query WMI: wmic useraccount where name=”%UserName%” get sid Per svuotare il cestino è possibile utilizzare il cmdlet PowerShell Clear-RecycleBin di seguito un esempio per eliminare i file del cestino dal drive di sistema (per default C), tramite il parametro -DriveLetter è possibile ... continua a leggere
    Dal blog di Ermanno GolettoPubblicato il 08-05-2019
  • In arrivo Windows Subsystem for Linux 2
    Microsoft ha appena annunciato nella Build 2019 conference che in estate sarà disponibile la versione 2 di Windows Subsystem for Linux. La nuova versione di questa particolare funzionalità promette performance molto più elevate, poichè dopo l’ottimizzazione delle risorse CPU e RAM si sta lavorando sul miglioramento delle operazioni di accesso in I/O sullo storage. Un’altra grande novità sarà il supporto nativo per Docker; in questo modo sarà possibile far girare i containers senza installare alcun software aggiuntivo! Il nuovo WSL 2 sarà basato sulla versione 4.19 del kernel Linux. ... continua a leggere
    Dal blog di Gianluca NanoiaPubblicato il 06-05-2019
  • SqlServer Creazione di un Linked Server Oracle ed errore 7302
      Durante la creazione di un Linked Server Oracle all’interno di SqlServer è possibile incorrere nell’errore 7302 in fase di validazione     L’errore può presentarsi a prescindere dalla versione di SqlServer e dalla versione del Client Oracle utilizzato. In questa condizione l’errore si presenta ancora prima della verifica delle credenziali fornite all’atto della definizione del Server Collegato. Per poter “risolvere” l’inconveniente è necessario abilitare la proprietà AllowInprocess relativa al Provider di connessione OraOLEDB.Oracle. Questa proprietà non è abilitata di default   ... continua a leggere
    Dal blog di Roberto MassaPubblicato il 03-05-2019
  • Windows Server 2008 R2: issue durante il routing dei fax inviati o ricevuti via mail
    In un server con Windows Server 2008 R2 con il servizio fax configurato da qualche tempo le mail dei fax ricevuti ed inviati, spesso (ma non sempre) non venivano inviate. Nel sistema venivano registrati i seguenti errori: Nome registro: Application Origine: Microsoft Fax ID evento: 32089 Categoria attività:In arrivo Livello: Errore Parole chiave: Classico Descrizione: Impossibile eseguire un metodo di routing specifico. Verranno effettuati altri tentativi di invio del fax in base alla configurazione relativa ai nuovi tentativi. Se i tentativi successivi non vanno a buon fine, controllare la configurazione del metodo di routing. ID processo: 0x0401d4f354f8bd87. Ricevuto sulla periferica: ... continua a leggere
    Dal blog di Ermanno GolettoPubblicato il 15-04-2019
  • Windows 10 Enterprise per Virtual Desktops
    Da pochi giorni è in anteprima pubblica su Microsoft Azure un servizio di virtualizzazione dei desktop e delle applicazioni chiamato Windows Virtual Desktop. Ho già avuto modo di mostrare come implementare la funzionalità nella guida Windows Virtual Desktop – Il Desktop As A Service di Microsoft Oggi vi voglio mostrare, a puro titolo didattico, come installare Windows 10 Enterprise per Virtual Desktops anche on-premises, cioè nella nostra organizzazione. Infatti, per poter utilizzare questa nuova funzionalità è necessario possedere le seguenti licenze: OS Licenza richiesta Windows 10 Enterprise multisessione o Windows 10 a singola ... continua a leggere
    Dal blog di Nicola FerriniPubblicato il 07-04-2019
  • Script PowerShell per l’esecuzione di Windows Update
    Vi sono scenari in  cui può essere utile eseguire tramite script gli aggiornamenti di Windows ad esempio su sistemi utilizzati per scopi specifici come computer per sinottici o totem informativi. In questi scenari potrebbe essere utile disabilitare l’esecuzione degli aggiornamenti automatica e sostituirla con un’esecuzione pianificata. Per disabilitare l’esecuzione automatica degli aggiornamenti automatici è possibile utilizzare la seguente Group Policy impostandola su Disabled: Computer ConfigurationAdministrative TemplatesWindows ComponentsWindows UpdateConfigure Automatic Updates Per l’esecuzione di Windows Update tramite uno script PowerShell è possibile utilizzare le api di Windows Update Agent (WUA) a riguardo si veda Searching, Downloading, and Installing Updates. Per un ... continua a leggere
    Dal blog di Ermanno GolettoPubblicato il 01-04-2019
  • Windows 10 e domande di sicurezza
    Con la versione 1803 di Windows 10 sono state introdotte durante il setup OOBE (Out of Box Experience) le “Domande di sicurezza” per il recupero della password dell’utente creato in fase d’installazione che hanno sostituito il suggerinto della password, come indicato in OOBE screen details: “During the OOBE flow, users are prompted to either create or sign in with a local account, or a Microsoft account (MSA). In Windows 10, version 1803, Windows introduces password recovery security questions to accompany the local account registration process in OOBE. If a user is unable to remember the password required to login to ... continua a leggere
    Dal blog di Ermanno GolettoPubblicato il 06-03-2019
  • Abilitare Windows 10 Dynamic Lock
    A partire da Windows 10, versione 1703 (Creators Update) è disponibile una funzionalità interessante chiamata Dynamic Lock. Questa funzionalità permette, dopo aver collegato il PC al proprio smartphone tramite collegamento bluetooth, di poter bloccare il computer. La funzionalità, chiamata anche Windows Goodbye in contrapposizione a Windows Hello, è interessante perché permette di aumentare il livello di sicurezza quando si lavora su postazioni di lavoro sensibili. Basta infatti allontanarsi col proprio smartphone dalla postazione e in circa 30 secondi Windows si bloccherà automaticamente. Per abilitare la funzionalità è prima di tutto necessario collegare il proprio smartphone al PC utilizzando una connessione ... continua a leggere
    Dal blog di Nicola FerriniPubblicato il 21-02-2019
  • Passwordless login al Microsoft Account con Yubikey
    Abbiamo visto nel precedente articolo Utilizzare Windows Hello in Windows 10 per accedere al Microsoft Account con WebAuthn che è possibile accedere al proprio Microsoft Account utilizzando Windows Hello e il protocollo WebAuthn, che si serve di un algoritmo di crittografia asimmetrico che utilizza due chiavi crittografiche, una privata e una pubblica, per autenticarsi nei siti web. La chiave privata viene memorizzata all’interno del chipset TPM (Trusted Platform Module) e può essere utilizzata solo dopo averla sbloccata mediante riconoscimento biometrico o tramite il PIN. La chiave pubblica viene inviata al Microsoft Account (o a qualsiasi applicazione web che supporti il ... continua a leggere
    Dal blog di Nicola FerriniPubblicato il 14-02-2019
  • Utilizzare Yubikey con Windows Hello
    Come molti di voi sapranno, Windows Hello è una soluzione che usa il riconoscimento facciale, l'impronta digitale o un PIN per accedere al proprio dispositivo con Windows 10. Windows Hello è anche comodo per sbloccare facilmente il pc quando vi allontanate dalla vostra postazione e ritornate a lavorare. In Windows 10 Home, Pro oppure Enterprise a partire dalla Anniversary Edition (versione 1607) è possibile utilizzare anche delle Security Keys per poter sbloccare il proprio PC. In questa guida vi mostrerò come abilitare una chiave Yubikey 4 in Windows Hello. La versione di Windows 10 che utilizzerò è la 1809 (October ... continua a leggere
    Dal blog di Nicola FerriniPubblicato il 08-02-2019
  • #POWERCON2019 – Evento gratuito a Bari il 15 febbraio – Windows 10: Presente e Futuro, WSL vs Kali e novità di Windows Server 2019
    Dopo una breve pausa ripartiamo nel 2019 con il 1° evento POWERCON2019 dell’anno! Per la seconda volta saremo presenti all’A.R.I. di Bari, l’Associazione Radioamatori Italiani – Sezione di Bari. Il prossimo 15 febbraio 2019, presso l’Istituto Tecnico Tecnologico “M. Panetti” in via G. Re David 186 a Bari, a partire dalle ore 15:30, un seminario completamente gratuito dedicato a Windows 10 e Windows Server 2019. Siamo a circa 2 mesi dal rilascio della nuova versione dell’ultimo sistema operativo client di Microsoft e vedremo questo primo triennio, passando dalle principali novità dell’October 2018 Updatee osservando i cambiamenti che ci saranno a partire dall’April 2019 Update. Ritorneremo sulle novità del Windows Subsystem for Linux che, da ... continua a leggere
    Dal blog di Nicola FerriniPubblicato il 08-02-2019
  • 15 anni da Microsoft Certified Trainer!
    Il tempo passa davvero in fretta... Oggi ho ricevuto l'attestato per i miei 15 anni da MCT (Microsoft Certified Trainer)!! Una carriera iniziata 3 lustri fa, che ancora oggi mi da molte soddisfazioni e mi permettere di condividere la mia passione per la tecnologia e per la comunicazione con tanti tecnici e appassionati di informatica. Un traguardo davvero impensabile quando ho cominciato. Un'avventura che mi ha portato a girare l'Italia e l'Europa, una carriera molto dura che però mi sento di consigliare a chi vuole iniziare. Non si finisce mai di imparare e in informatica, negli ultimi 2-3 anni, i ... continua a leggere
    Dal blog di Nicola FerriniPubblicato il 08-02-2019